.
Annunci online

 
claudiogiudici 
"Tassisti ignoranti, brutti e cattivi!"... Ma Cusano pensava a loro quando scrisse La Docta Ignorantia?
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Movimento Internazionale per i diritti civili - Solidarietà
No Big Banks
Executive Intelligence Review
Lyndon LaRouche - Political Action Committee
21st century science and technology
Schiller Institute
  cerca

A Servizio Pubblico da Santoro...

A Uno Mattina...

Al Circo Massimo...

Alla americana Lpac Tv...

A Toscana Tv...

Mi rifiuto di accettare l'idea che il modo in cui "si è" ci renda moralmente incapaci di diventare "ciò che dovremmo essere". (Martin Luther King)

  RIFLESSIONI, ARTICOLI, INTERVENTI di Claudio Giudici: 

Questo messaggio lo dedico ai folli.
A tutti coloro che vedono le cose in modo diverso.
Potete citarli. Essere in disaccordo con loro.
Potete glorificarli o denigrarli, ma l'unica cosa che non potete fare è ignorarli.
Perchè riescono a cambiare le cose.
E mentre qualcuno potrebbe definirli folli, io ne vedo il genio.
Perchè solo coloro che sono abbastastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero.
(Mahatma Gandhi)

 

 

AMERICAN REVOLUTION


Coloro che professano di volere la libertà, ma deprecano l'azione politica, sono come gli uomini che vogliono il raccolto senza seminare, o la pioggia senza lampi e tuoni. Vogliono l'oceano senza il terribile brusio delle sue possenti acque. (Frederick Douglass)

SCIENZA

"Il selvaggio disprezza l'arte e riconosce la natura come sua assoluta sovrana; il barbaro deride e disonora la natura, ma, più spregevole del selvaggio, molto spesso continua ad essere schiavo del suo schiavo. L'uomo colto si fa amica la natura e ne rispetta la libertà, semplicemente frenandone l'arbitrio."
(Friedrich Schiller, Lettere sull'educazione estetica dell'uomo, n. 4)
 
 

 

Dal libro della Sapienza (6)
Chi cerca la sapienza la trova
[12]La sapienza è radiosa e indefettibile, facilmente è contemplata da chi l'ama e trovata da chiunque la ricerca.
[13]Previene, per farsi conoscere, quanti la desiderano.
[14]Chi si leva per essa di buon mattino non faticherà, la troverà seduta alla sua porta.
[15]Riflettere su di essa è perfezione di saggezza, chi veglia per lei sarà presto senza affanni.
[16]Essa medesima va in cerca di quanti sono degni di lei, appare loro ben disposta per le strade, va loro incontro con ogni benevolenza.
[17]Suo principio assai sincero è il desiderio d'istruzione; la cura dell'istruzione è amore;
[18]l'amore è osservanza delle sue leggi; il rispetto delle leggi è garanzia di immortalità
[19]e l'immortalità fa stare vicino a Dio.
[20]Dunque il desiderio della sapienza conduce al regno.
[21]Se dunque, sovrani dei popoli, vi dilettate di troni e di scettri, onorate la sapienza, perché possiate regnare sempre.

"Quid Veritas?" chiede Ponzio Pilato a Gesù Cristo.
"What is love?" chiede il principe Carlo d'Inghilterra al giornalista che chiedeva a lui e Diana se si amavano.
Verità ed Amore, così come la Libertà, la Giustizia, il Bene, il Bello, sono il Cerchio che al nostro occhio pare di avere tracciato. Credete veramente di essere in grado di tracciare un Cerchio? Sì, mi riferisco a quell'inesistente complesso di punti tutti equidistanti dal medesimo fuoco. Credete veramente di averlo tracciato col vostro bicchiere, col vostro compasso, con la vostra macchina ad altissima precisione? No, non lo avete tracciato. Al vostro occhio così appare, ma quello che siete riusciti a fare è solo un'approssimazione di ciò. Bene, se così è, se è impossibile creare il cerchio perfetto, è tuttavia inutile provarci? Se sì, la ruota - che abbiamo detto non potrà essere perfettamente circolare - non è una conquista per l'Uomo, che lo aiuta nella sua relazione con l'Universo? Certo che lo è. Trasferiamo ora tutto questo ragionamento attorno alle Idee di Verità, Amore, Giustizia, Bellezza, Libertà, Bontà.
"Così in terra come è in Cielo".



 

 Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio Giudici Claudio
Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche Lyndon LaRouche
Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson Amelia Boynton Robinson
Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller Schiller
Franklin Roosevelt  Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt Franklin Roosevelt
new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal new deal 
economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare economia fisica economia finanziaria economia reale produzione hedge fund nucleare
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
bolla immobiliare bolla speculativa list carey hamilton la pira de gasperi mattei liberalizzazioni taxi tfr sistema americano di economia politica debito hamiltoniano banca nazionale infrastrutture credito allo sviluppo cassa per il mezzogiorno global warming frode truffa trattato di Westfalia Concilio di Firenze Cusano Platone Socrate Vangeli Bertrand Russell Genesi malthusianesimo dirigismo keynesismo oligarchia finanziaria Prometeo Eschilo lym movimento solidarietà movimento internazionale per i diritti civili solidarietà ponte di sviluppo eurasiatico keplero machiavelli programma politico franklin delano roosevelt Al Gore maglev piano oasi nuova bretton woods
Beppe Grillo  Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo Beppe Grillo

 

 


Ponte di Sviluppo infrastrutturale globale 
di Lyndon LaRouche


Progetti ferroviari in Africa


Progetto ferroviario nei Balcani


Progetti ferroviari ed energetici nel Medio-Oriente




 

 

 

 

BREVE STORIA DELL'ECONOMIA MONDIALE DAL 1945 AL 2008


 

Diario | Economia | Politica | Filosofia | Documenti | Poesia | Scienza | Liberalizzazioni-privatizzazioni | Chi sono |
 
Diario
1visite.

24 maggio 2007


Borsellino: una lotta culturale per la verità e contro il comodo
di Claudio Giudici
per Sintesi Dialettica

Il pensiero in ambito di politica giudiziaria che il magistrato Paolo Borsellino esterna in particolare tra la fine degli anni ’80 ed i primi anni ’90, contiene indicazioni illuminanti per la stessa politica odierna.

Alla base di questo pensiero vi è una ricostruzione che muove dal riconoscimento di una lotta ideale tra ciò che è la verità e ciò che è il comodo, l’utile. Il pensiero e l’azione di Borsellino pare guidato da una precisa scelta di campo, quello della verità, contro il grande nemico dell’utilità. Le implicite denunce che tale ricostruzione storico-ideale contiene contro il sistema politico e soprattutto culturale odierno, sono evidenti e violente.

 

“… rivoluzione culturale che è in atto. Oggi di mafia si parla e si discute. Le giovani generazioni la rifiutano. Gli imprenditori si ribellano. Il ruolo dei partiti, così come oggi è, è messo in discussione (altrimenti le leghe arriveranno anche qui).

Non sono invece segnali culturalmente apprezzabili quelli tendenti a sfruttare accertamenti e iniziative giudiziarie in funzione politica. C’è il grave sospetto che si tratti di lotte interne dei partiti. Così procedendo (enfatizzazione delle notizie, scoop etc.) non si combatte la mafia ma la si agevola per colpire gli avversari. [Corsivo del recensore].”

Ma Borsellino non rileva la semplice deviazione politica, ma anche quella di altri settori della società, ed è per questo che la denuncia è rivolta in modo più profondo all’intero sistema culturale.

Egli ci parla delle responsabilità che debbono avere i “creatori di opinione”, ma anche gli stessi organi giudiziari ed investigativi:

“Non è possibile lavorare senza sapere o tener conto di cosa fa altro magistrato a 20 chilometri di distanza o talvolta della porta accanto, che poi debba leggere dai giornali l’esistenza di verbali, la cui segretezza è essenziale anche per evitare che la doverosa attività investigativa divenga mezzo di squallide lotte politiche.

[…]

Non è possibile consentire attività di investigazione che sembrano dettate da voglia spietata di concorrenza con altri investigatori e dalla ricerca esasperata del ‘tutto e subito’.”

Tutte queste deviazioni, sono il frutto di una cultura individualista dove l’individuo è visto però come un attore in lotta contro altri attori, e dove il fine è emergere rispetto all’altro. Alla base di tali approcci vi è il disconoscimento del valore della verità come primus, fine, processo che non ammette strumentalizzazioni, pena altrimenti la sua perdita.

Il problema è dunque, prima che investigativo, giudiziario e politico, culturale; e non riguarda allora il solo operatore di giustizia o il politico, ma ogni cittadino, ogni uomo. Nell’attività di chi come Chinnici, Falcone e Borsellino – in loro più che in altri siamo obbligati a riconoscerlo visto il prezzo pagato per la propria azione – il compito era perseguire la giustizia, ideale precipuamente connesso alla verità, e dunque l’esempio concreto e morale è pedagogia sociale, modello educativo per ogni individuo che abbia come fine quello di divenire uomo.

Ed in tempi in cui tutto ciò che è Stato, si cerca di farlo passare come un nemico della cittadinanza, quando invece è solo nemico di quei poteri che ad esso si vogliono sostituire, per meglio perseguire i propri interessi oligarchici, non si può trascurare il contesto che Borsellino denuncia in ambito giudiziario, ma non solo.

Il magistrato di Palermo, in modo responsabile per chi aveva profondo rispetto delle istituzioni, ma comunque deciso, ammonì, sempre con spirito di collaborazione piuttosto che di ostruzionismo, con suggerimenti risolutivi, da quelle decisioni di politica giudiziaria che finivano con far fare passi indietro allo Stato e che dunque aprivano le porte al fenomeno mafia. Borsellino, infatti, così definiva la mafia: “Istituzione che tende all’esercizio della sovranità”. Dunque, un fenomeno che subentra nel momento in cui lo Stato è assente, ed assente è sia colui che omette di fare, sia colui che fa in modo sbagliato. In entrambi i casi, infatti, si pretende la sua sostituzione.

Egli, in seguito alla riforma del nuovo Codice di Procedura Penale, che sobbarcava il Pubblico Ministero di un’infinità di nuovi compiti, ma non di nuovi poteri, pose subito sul piatto il problema che si poneva: la scarsità di mezzi, uomini ed incentivi per un efficace azione giudiziaria.

E sottolineava:

“E le ricorrenti tentazioni del potere politico, quali ne siano le motivazioni, di mortificare obiettivamente i magistrati del PM, prefigurandone il distacco dall’ordine giudiziario, anche attraverso il primo passo della definitiva separazione delle carriere, non incoraggiano certo i ‘giudici’, che tali tutti sentono di essere, ad indirizzare verso gli uffici di Procura le loro aspirazioni.”


Leone Zingales, "Paolo Borsellino - una vita contra la mafia", Limina 2005




permalink | inviato da il 24/5/2007 alle 7:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

21 maggio 2007


Come una grande idea rischia di essere uccisa sul nascere dai servi incoscienti dell’oligarchia

 

di Claudio Giudici

 

Avviene spesso nel corso della storia che una grande idea, un’idea potente, tale da poter cambiare il corso delle cose, possa essere bloccata sul nascere da quei leaders – che leaders di fatto si dimostrano di non essere – che per quieto vivere, per paura di fuoriuscire dall’ordinario, divengono utili, strumentali a quei poteri che si celano (e si avvantaggiano) dietro quello stato di cose che opprime i più. Nel De Concordantia Catholica, il rinascimentale cardinale Niccolò Cusano sostiene: “Si può affermare che ogni legittima autorità deriva dal consenso elettorale e dalla spontanea sottomissione.”

Durante il settembre del 1931 un oggi sconosciuto funzionario del Ministero dell’economia tedesco, Wilhelm Lautenbach, propose un piano di rilancio dell’economia fisica e dei tenori di vita della popolazione tedesca, passando per l’espansione del credito attraverso investimenti nell’economia produttiva. Lautenbach affermò: “Il corso naturale per superare un’emergenza economica e finanziaria […] non passa per una limitazione dell’attività economica, ma per una sua espansione”. Lautenbach rivolgeva dunque un preciso attacco alle politiche di taglio della spesa pubblica e sosteneva l’esatta tesi contraria. Ma come espandere la spesa pubblica se le casse sono vuote? Lautenbach etichettò la questione come meramente tecnico-organizzativa e propose la soluzione: un fido da parte della banca centrale alle banche private con a garanzia le cambiali emesse per il finanziamento di “progetti necessari ed economicamente ragionevoli”. Il risultato di ciò non poteva essere inflativo visti i bassi livelli dei consumi delle famiglie, che sarebbero potuti tornare a crescere, e vista l’alta presenza di disoccupati che dunque potevano entrare nel mondo del lavoro ed assorbire anch’essi la nuova produzione. Sulla scia di queste idee, la federazione sindacale tedesca elaborò un programma di lavori pubblici nelle infrastrutture e nell’industria, che però fu bloccato sul nascere dalla dirigenza della SPD che insisteva sulla necessità di ricorrere ai mezzi “tradizionali” di finanziamento. Il risultato dei mezzi “tradizionali” fu il mantenere in condizioni di indigenza la gran parte della popolazione tedesca, che durante le elezioni che seguirono preferirono affidarsi ad Adolf Hitler.

Sull’altra riva dell’Atlantico, un dibattito simile animava il pensiero economico: dalla crisi economica ci risolleverà il libero mercato o precisi atti di volontà espressione della ragione creatrice di cui è dotato l’uomo?

La vittoria politica di Franklin Delano Roosevelt, mentre il suo predecessore Hoover si era sempre tenuto aderente ai principi dell’ortodossia economica liberista, con i disastri che ne conseguirono con la crisi del 1929-32, portò ad un cambiamento rivoluzionario nel modo di concepire l’economia. FDR trovò sulla sua strada nemici potentissimi: oltre a dirigenti come John Raskob – non a caso rappresentante della grande finanza di Wall Street – , i mass media che di volta in volta lo marchiavano come “fascista” o “comunista”, pur di impedire ogni interferenza del potere politico in quel libero mercato in cui l’oligarchia poteva spadroneggiare. Soltanto con un atteggiamento attivo, con un preciso atto di volontà, le cose potevano essere cambiate ed il Bene Comune perseguito; Franklin Roosevelt questo lo sapeva bene.

FDR salvò l’economia Usa, ed il pianeta dai totalitarismi, adottando quegli stessi valori economici a cui in Germania si rifaceva Lautenbach, ma la cui attuazione fu impedita sul nascere: credito pubblico, infrastrutture ed industria tecnologicamente avanzate, lavoro produttivo.

Quegl’avvenimenti rappresentano ancora oggi un insegnamento per quegli uomini che intendono prendere in mano il loro destino superando quegli ostacoli che di fronte a loro si pongono. Questi ostacoli, oltre che essere rappresentati dai portatori di interessi configgenti – le oligarchie finanziario-speculative – , sono rappresentati, come nel caso delle dirigenze dell’SPD tedesco nel 1931, anche da chi nominalmente pare stare dalla propria parte, ma che per paura, egoismo o quant’altro opprima le capacità rivoluzionarie insite in ogni uomo, finisce con l’essere strumentale ai poteri oligarchici.

- “Se potessimo convincere tutti a mobilitarsi, anche semplicemente parlando con la gente, allora apriremmo una breccia che sarebbe difficile richiudere!

- “Ma non corriamo troppo, evitiamo di dire stupidaggini; non andiamo oltre ciò che ordinariamente facciamo; prendiamo un po’ di tempo per ragionare, come abbiamo sempre fatto … poi si vedrà come è meglio agire. Nel frattempo sento io qualche persona.

L’oligarchia ringrazia.

 

 




permalink | inviato da il 21/5/2007 alle 8:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 maggio 2007


Khatami alla Cattolica di Milano: “Bush e Cheney sono finiti!”

Martedì 8 maggio l’ex Presidente iraniano Khatami ha tenuto una importante conferenza all’Università Cattolica di Milano sul tema “Necessità e difficoltà del dialogo tra le civiltà nel sistema globale”, in cui ha denunciato senza mezzi termini la politica di “guerra preventiva” dell’amministrazione Bush, paragonandola all’estremismo violento dei terroristi. A conclusione della conferenza, mentre tutte le telecamere televisive e i giornalisti si raccoglievano intorno a lui, la presidente del Movimento Solidarietà Liliana Gorini si è avvicinata a Khatami per dargli una copia dell'ultimo EIR, relativa alle mozioni per l’impeachment di Cheney negli Stati Uniti promosse da LaRouche, e gli ha chiesto “come vede l’iniziativa di LaRouche, Kucinich e McGovern per l’impeachment di Cheney prima che scateni un’altra guerra in Iran?”. “Ah! Cheney!” ha risposto Khatami in inglese “Bush e Cheney sono finiti! E l’iniziativa per l’impeachment mi sembra molto importante, la ringrazio”.
Già nel corso del suo intervento, e delle risposte date ad alcuni studenti di Scienze Politiche della Cattolica, l’ex Presidente iraniano, fondatore e presidente dell’Istituto Internazionale per il Dialogo tra le Culture, aveva fatto riferimento alla crescente opposizione alla politica di guerra di Bush e Cheney anche all’interno degli Stati Uniti. “Tutte le guerre hanno motivazioni puramente economiche” ha dichiarato “e rispecchiano gli interessi dei guerrafondai che le promuovono. I politici approfittano dei sentimenti dei popoli per condurre i loro interessi. Ma storicamente il dialogo è sempre continuato anche durante le guerre, ad esempio la guerra tra la Persia e l’impero romano, quando Alessandro Magno portò la civiltà occidentale nell’Oriente, si incontrò con la civiltà orientale, e questo incontro arricchì entrambe le parti. L’incontro tra le culture, invece dello scontro, è sempre stato positivo. Oggi l’occidente è in una grave crisi, una crisi profonda e distruttiva. L’insicurezza abbraccia sia l’Oriente che l’Occidente. Ci sono estremisti egoisti e violenti che usano l’opinione pubblica per portare avanti obiettivi violenti. Il tema principale del dialogo tra le culture è isolare gli estremisti violenti nel mondo. Il disastro comincia quando la politica si sveste della moralità”.
Il riferimento all’estremismo violento dei neoconservatori era sottinteso, ma è diventato esplicito quando gli ha posto una domanda volutamente provocatoria l’immancabile neoconservatore prof. Vittorio Parsi, sul contenzioso tra Iran e ONU e sui “profeti che si armano”. Visibilmente irritato dall’atteggiamento provocatorio di Parsi, Khatami ha assunto un tono più polemico: “tutto questo accade quando si disprezza l’altro, quando ci si permette di imporre all’altro. Questo è il falso orgoglio dell’Illuminismo, secondo cui la civiltà occidentale è superiore a tutte le altre, il problema del pensiero di Hegel e Kant, o l’ipotesi della “fine della storia” che si è imposta negli Stati Uniti negli anni Ottanta. Si ritiene che il mondo americanizzato possa permettersi di fare qualunque cosa. Fukuyama ultimamente ha cambiato opinione e ha criticato duramente Bush. Quale libertà sta esportando l’amministrazione Bush? La libertà di governi tiranni armati di colonizzare, di rubare il patrimonio nazionale, di disprezzare la mia cultura e i miei valori? La guerra preventiva non ha ridotto il terrorismo, l’ha aumentato. Non direi che bisogna disarmare i profeti, anzi, i falsi profeti che prendono le armi. Bisogna disarmare tutti quelli che amano la violenza, profeti e politici. Promuovendo il golpe contro Mossadeq in Iran, l’America ha gettato le basi per la rivoluzione islamica. Ha appoggiato sia il terrorismo che Saddam Hussein”.
Rispondendo alla domanda di Matteo, uno studente di Parsi, che si è detto invece molto colpito dall’analisi di Khatami sulla crisi del mondo occidentale, Khatami ha aggiunto: “I neoconservatori americani hanno promosso l’invasione dell’Afghanistan e dell’Iraq. La loro politica ha avuto un alto costo in termini di vite umane sia per l’Oriente che per l’Occidente. In Iraq sono morti 3.600 americani. La politica degli estremisti perde sostegno nell’opinione pubblica americana, come dimostra il crollo della popolarità di Bush rispetto al 2002, il fatto che i repubblicani abbiano perso la maggioranza al Congresso, le numerose manifestazioni contro la guerra negli Stati Uniti. Io voglio essere ottimista, e spero che trionferà il dialogo tra le civiltà, e se trionferà, sarà grazie a voi giovani”.
Tratto da http://movisol.org/07news079.htm




permalink | inviato da il 9/5/2007 alle 20:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

4 maggio 2007

Repliche positive al mio articolo "Taxi: i giochini di BankItalia, dell'Ansa e Rutelli per creare un monopolio privato"

L'analisi prodotta sul Paper di BankItalia è stata riportata da http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=3304 ed ha suscitato positivi commenti (per ora).

Re: TAXI: I GIOCHINI DI BANKITALIA, DELL'ANSA E RUTELLI PER CREARE UN MONOPOLIO (Voto: 1)
di marko il Martedì, 01 maggio @ 12:07:18 EDT
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Molto bello e interessante. Ero entusiasta della riforma quando fu presentata, ma poi rimasi molto sorpreso e deluso quando il tutto si ridusse ad un permesso di accumulare licenze, cioé proprio il contrario del libero mercato. Non capii, adesso invece tutto sembra più chiaro con questo articolo. Triste questo passaggio: "i quali (media) avevano terreno facile dopo le sensazionalistiche inchieste degli ultimi anni di "Striscia la Notizia", dove la categoria veniva totalmente dipinta come una banda di mascalzoni" Siamo alle guerre tra poveri?


     
     
     
    Re: TAXI: I GIOCHINI DI BANKITALIA, DELL'ANSA E RUTELLI PER CREARE UN MONOPOLIO (Voto: 1)
    di andy79 il Mercoledì, 02 maggio @ 05:04:12 EDT
    (Info Utente | Invia un Messaggio)
    sono un taxista della capitale e per me non è una novita quello che ho letto anche se sono entusiasta che qualcuno al di fuori del settore taxi ne parli.Vorrei precisare che tuttora siamo 6200 taxi ed entro la fine dell'anno ce ne saranno 1000 in piu senza una reale richiesta suppletiva di vetture.Al giorno d'oggi il lavoro manca nonostante l'alta affluenza di turisti in visita a roma e se un taxista lavora mediamente 10 ore nel traffico riesce a portare a casa un incasso di 110 120 euro che nn sarebbe male se nn ci fossero spese(dico solo spese di gestione) di 70 euro giornalieri,e i rimanenti 40 50 euro vanno per l'affitto il vitto e via dicendo...ringraziando dio se non ti si rompe la vettura,se non ti rapinano,non stai male ecc ecc...venerdi notte un mio amico e stato picchiato rapinato ed ora e in ospedale ma ste cose sui giornali non si leggono...comunque grazie e spero che parliate anche della sig.ra Palombelli(moglie dell'onorevole Rutelli) e dei suoi interessi nella STA servizi..il servizio di rimozione veicoli di roma...é molto interessante...


       
       
       
       
      Re: TAXI: I GIOCHINI DI BANKITALIA, DELL'ANSA E RUTELLI PER CREARE UN MONOPOLIO (Voto: 1)
      di az il Giovedì, 03 maggio @ 04:58:35 EDT
      (Info Utente | Invia un Messaggio)
      Complimenti ! Complimenti per il "Coraggioso articolo", che mostra una vera passione per una vera politica. "....... L'ultima spiaggia di Rutelli, per ridare un segnale di forza a tutta la dirigenza del partito, parrebbe dunque quella di contraccambiare alle richieste della lobby finanziatrice, prima fra le quali vi sarebbe quella della liberalizzazione-monopolizzazione del settore dei taxi. Finchè continueremo ad accettare una politica fatta di cambiamonete piuttosto che di uomini appassionati dalla ricerca del Bene Comune, condanneremo il nostro futuro e quello dei nostri figli, alla più macabra miseria morale. " Bravo Claudio Giudici, fatti conoscere, e avrai successo Un tassista di Roma




      permalink | inviato da il 4/5/2007 alle 8:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
      sfoglia
      aprile        giugno