Blog: http://claudiogiudici.ilcannocchiale.it

L'impero britannico ammette che il crollo รจ in corso

8 ottobre 2010 (MoviSol) - Una serie di fonti, tra cui Ambrose Evans-Pritchard sul Daily Telegraph, ha riconosciuto che il mondo sta entrando in quella che è una situazione iperinflazionistica – a meno di improvvisi cambiamenti. Ma a differenza di LaRouche, che aveva ammonito di questi sviluppi nella sua previsione per luglio-settembre (cfr. Strategic Alert 28, 29/10), queste fonti pensano di lasciare il sistema in balia di se stesso, per poi raccoglierne i pezzi.

Il 28 settembre, Evans-Pritchard ha compiuto uno spettacolare atto di pentimento pubblico, scrivendo in un articolo dal titolo "Chiudere la Fed (2)": "Chiedo scusa ai lettori di tutto il mondo per aver difeso le politiche di stimolo di emergenza della Federal Reserve USA, e per aver sostenuto come un ingenuo imbecille che la Fed non sarebbe caduta vittima della tossicodipendenza, dell'abuso politico e di pazza incoscienza da intossicazione, una volta presa la prima dose di quantitative easing. La mia patetica supposizione era che Ben Bernanke continuasse a far uso di QE solo per arginare la DEFLAZIONE, non per creare INFLAZIONE. Se il Federal Open Market Committee non è in grado di capire la differenza, che Iddio salvi l'America".

Commentando queste dichiarazioni, LaRouche ha affermato: "Ciò è precisamente quanto ho previsto come il probabile limite settembrino di una caduta dell'economia USA. Come al solito, ancora una volta, non ho fatto errori di previsione." Il fatto che Pritchard, parlando a nome di una fazione della City di Londra, abbia sostenuto per due anni la necessità di salvare il sistema a tutti i costi, per poi fare una inversione di marcia così plateale, indica quanto questa fazione sia spaventata della piega che ha preso la crisi.

Coloro che "mi accusano di difendere una cricca iperinflazionistica nell'establishment hanno sempre avuto ragione. La Fed è veramente sfuggita al controllo", ha scritto Pritchard. "Prima o poi, scopriremo ciò che i 'falchi' nella Fed – Fisher, Lacker, Plosser, Hoening, Warsh e Cocherlakota – pensano veramente di questa ennesima sbandata in campo di allegria monetaria, con tutto ciò che questo implica per l'azzardo morale e i contratti debitori. Se ho scritto parole dure su questi eroi della resistenza, chiedo scusa anche per questo". L'articolo è corredato da una foto di Bernanke e di Von Havenstein, con la scritta "Inflazione programmata: Bernanke è il nuovo Von Havenstein, capo della Reichsbank della Repubblica di Weimar?".

Per quanto le osservazioni di Pritchard siano corrette, la sua soluzione è completamente sbagliata: egli propone una cura dimagrante alle economie USA e britannica, o, nelle sue parole, "l'esperienza di molti anni di poca crescita".

Nel frattempo, infuria il dibattito dentro la stessa Fed sui "fatti del 10 agosto", e cioè la decisione di aumentare l'inflazione. Il 29 settembre, tre dei governatori della Fed hanno espresso opinioni contrastanti sul tema. Mentre Eric Rosengren della Fed di Boston ha chiesto un'espansione del programma di acquisti di MBS e altri titoli, Charles Plosser della Fed di Filadelfia si è opposto a qualsiasi ulteriore programma del genere, e Narayana Kocherlakota della Fed del Minnesota l'ha imitato da un altro punto di vista, dicendo che esso avrebbe poco impatto in termini di espansione del credito bancario. Ha anche sottolineato che il trilione di dollari parcheggiato dalle banche presso la Fed come "eccesso di riserve" è un potenziale inflazionistico.

Fonte: http://www.movisol.org/10news203.htm

Pubblicato il 11/10/2010 alle 10.9 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web